collezione3
collezione2
collezione1

La nostra collezione

L’origine del caffè è molto antica, il lungo viaggio ha inizio in Etiopia.

Il chicco di caffè ha impiegato diversi secoli per fare il giro del mondo e conquistarlo. Abbiamo trecento anni di consumo e di stile di vita legati alla popolare bevanda. Le strade del caffè sono molte, si possono percorrere e visitare attraverso immagini e oggetti rappresentativi.

La mia attenzione è rivolta ai macinini da caffè, la storia e l’arte della macinatura mi hanno sempre affascinato. Rimane sconosciuta la data e il luogo dove questo oggetto fece la sua prima comparsa, sappiamo con certezza che i primi ad utilizzarlo furono gli arabi e i turchi. Questo strumento nacque e si diffuse nel mondo occidentale non tanto per l’esigenza di macinare il caffè, quanto per quella di ridurre in polvere sottilissima alcuni tipi di spezie.

Il macina spezie più antico che si conosca risale all’anno 1506 ed è custodito in un museo francese. Il passaggio dal macina spezie al macina caffè è avvenuto nel XVII secolo, periodo nel quale il caffè venne introdotto in Europa. Per ottenere una polvere ottimale era necessario che il macinino producesse una grana di media grossezza, che fosse più capiente e stabile e che fosse dotato di un contenitore più grande per il macinato. I primi macinini furono realizzati in Francia, vere e proprie opere d’arte realizzate dai migliori artigiani per conto di nobili. All’epoca il caffè era un lusso che pochi potevano permettersi.

Nella prima metà dell’ottocento il macina caffè entrò nelle case della gente comune; le industrie incominciarono a produrlo nella seconda metà dell’ottocento. Nel 1842 nacque in Francia una delle più importanti aziende produttrici di macina caffè conosciuta con il famoso marchio “Peugeot”. In Italia hanno rappresentato la storia dei macina caffè i fratelli Bertoldo con il famoso marchio “Tre Spade”. L’azienda è nata nel 1894 nella frazione Vigneto di Forno di Rivora (oggi Forno Canavesa, piccola località distante 30 km da Torino).

Queste aziende, visto il dilagare del consumo del caffè, con la produzione di questi utensili ottennero un grosso successo. Nel 1957 il macinino a mano fu sostituito da quello elettrico; questo riscosse un notevole successo sul mercato. Purtroppo oggi giorno il macinino elettrico nelle abitazioni è stato in gran parte soppiantato dalla vendita di caffè macinato sottovuoto.